Corso Torino 26
14100 Asti (AT)
tel. 0141.213092
fax 0141.416698
s.m.bassasrl@gmail.com

Servizi > CONSERVATIVA

È la branca dell'odontoiatria che si occupa della "conservazione" della struttura dentale, ha lo scopo di porre rimedio ai danni che la corona del dente può subire a causa della carie o di traumi.

Cos’è la carie dentale?
I batteri presenti nella placca trasformano gli zuccheri in acidi, i quali possono intaccare prima lo smalto e poi la dentina, dando luogo alla formazione di una cavità (carie dentale) che, se non curata, può ingrandirsi distruggendo progressivamente il dente. Un dente attaccato dalla carie non guarisce mai da solo; ecco perché la prevenzione e la cura della carie dentale sono così importanti.

Come progredisce la carie dentale?
La carie dentale inizia dallo smalto (il tessuto duro che ricopre il dente).Nella fase iniziale, quando la carie è limitata allo smalto, questo diventa prima di colore bianco pallido, rimanendo liscio, per poi diventare ruvido. Se la carie dentale non viene curata durante questo stadio, progredisce formando una cavità nello smalto. La carie dentale può raggiungere poi la dentina. I tubuli dentinali, presenti nella dentina sono comunicanti con la polpa, dove si trovano i nervi dentali, quindi molto spesso il dente diventa sensibile al caldo, al freddo e ai cibi dolci. Procedendo ulteriormente , la carie può raggiungere la polpa dentale, provocando un’infiammazione, spesso dolorosa, che nei casi più gravi può coinvolgere anche il tessuto osseo.

Predisposizione alla carie dentale
La predisposizione alla carie dentale può essere di natura ereditaria, ma dipende anche da denti disallineati, la cui pulizia risulta difficile, denti con solchi molto accentuati, nei quali placca e residui alimentari ristagnano più facilmente; condizioni fisiologiche quali gravidanza ed allattamento, che a causa di modificazioni ormonali alterano la composizione salivare.